Mahamrtyunjaya

Mantra della Liberazione
Om Tryambakam Yajamahe
Sugandhim Pushtivardhanam
Urvarukamiva Bandhanan
Mrityor Mukshiya Maamritat

Traduzione
Divinità onnisciente, noi ti adoriamo.
O Signore dall'immensa fragranza, tu nutri e sostieni l'intera vita.
Così come il cetriolo è rimosso (liberato) dalla pianta,
liberaci dalla morte e donaci il nettare dell'immortalità.

Gayatri Mantra (recitato da Giuliano Vecchiè con accompagnamento di Tampura)

Gayatri mantra
Om
Bhur Bhuva Svaha
Tat Savitur Varenyam
Bhargo Devasya Dheemahi
Dhiyo yonah Prachodayat

Traduzione
Meditiamo sulla gloria del creatore,
che ha creato l'universo,
che è degno di adorazione,
che è l'incarnazione della conoscenza e della luce,
che rimuove tutti i peccati e l'ignoranza.
Possa egli illuminare il nostro intelletto.

Opening Mantra recitato da Manju Jois

Mantra di apertura dell’Ashtanga
Om
vande gurunam caranaravinde
sandarshita svatma sukha va bodhe
nih sreyase jangalika yamane
samsara halahala mohasahantyai
abahu purushakaram
shankacakrasi dharinam
sahasra shirasam svetam
pranamami Patanjalim
Om

Traduzione
Mi inchino ai piedi di loto del Guru supremo, che insegna la conoscenza ed è capace di portarci all'autorealizzazione del Sé e alla felicità suprema, agendo come un medico della giungla capace di farci superare le delusioni create dai veleni del Samsara (esistenza condizionata).
Mi prostro a Patanjali, un’incarnazione di Adisesa (il serpente divino), bianco di colore, rappresentato sotto forma di un uomo dalla cinta in su, con mille teste raggianti (nella sua forma del divino serpente Ananta) e con, nelle mani, una spada (discriminazione) e una ruota di fuoco (tempo infinito), e una conchiglia (suono divino primordiale); a lui io mi prostro.

Closing Mantra recitato da Manju Jois



Mantra di chiusura dell’ashtanga
Om
Svasti praja bhyaha pari pala yantam
Nya yena margena mahi mahishaha
Go brahmanebhyaha shubamastu nityam
Lokah samastah sukhino bhavantu
Om shanti shanti shanti

Traduzione
Sia gloria alla prosperità.
Possano tutti i leader (del mondo) seguire il cammino della legge e della giustizia (per proteggere il benessere di tutte le generazioni).
Possano la religiosità e la sapienza essere protette e possa l'intero universo essere prospero e felice.